News

Porn Stars Use X-Rated Blockchain’s Cryptocurrency


Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.blockchainassociation.it/home/wp-content/plugins/page-links-single-page-option/addons/scrolling-pagination/scrolling-pagination-functions.php on line 47

“The porn world is a magical place, it has rules and politics of its own creation, but it still falls victim to all of the struggles the “real” world faces,” writes porn actress Janice Griffith in a Medium blogpost this October.

Griffith, best known for movies such as ‘Squirt in My Face,’ and ‘I Have a Wife,’ is referring to the discrimination and sexism that sex workers deal with on a daily basis.

But porn actresses also suffer from a rather unique problem — not being able to spend their money on business-related services. Due to antiquated morality clauses, porn and cannabis fall under a similar umbrella, in legalese, where business such as banks can refuse to do business with them, meaning they become cash operations or are forced to use premium banking services with hefty fees.

“[I’m] seen as lesser or “dirty” simply because you can see me naked online,” Griffith writes. “[But] porn and camming are an extremely visible sect of sex work that relies on advertising and consumption in ways that other traditional forms of sex work do not.”

% | % | % Single Page

Il Blockchain diventa hot: pagati per guardare porno?

Che la nuova tecnologia del Blockchain si prestasse a tantissime interpretazioni e ai più svariati usi era ormai cosa nota, ma in pochi avrebbero pensato che sarebbe stata usata per il mondo del porno. Eppure è successo.

Il caso

A riferirlo è Malachy Caldwell, che illustra anche la tecnologia usata, lo Steem, un sistema che permette di “minare” i cosiddetti Vice Media Tokens, moneta virtuale proprietaria di Vice.org, piattaforma dietro cui sono presenti i colossi del settore hard. In altre parole a maggior numero di visualizzazioni corrisponde un maggior introito nelle tasche degli spettatori. O per meglio dire, anche degli spettatori visto che la moneta virtuale creata viene divisa anche tra i creatori di contenuti. In tutto questo, il bitcoin, la valuta più celebre nel mondo delle altcoin, ha registrato un crollo del 35% nella sola ultima settimana, crollo che porta a -50% il saldo mensile delle quotazioni; nel giro di un mese il valore della criptomoneta per eccellenza si è più che dimezzato arrivando a segnare 9,502 dollari, praticamente la metà da quando, a fine dicembre, arrivò a sfiorare i 20mila dollari. Un’occasione buona, dice qualcuno, per comprare, magari mettendo in pratica proprio quello che il mitico Warren Buffett (paradossalmente uno dei più critici verso le monete virtuali) ha sempre detto: sii avido quando gli altri hanno paura. Ecco allora che in queste ore il Bitcoin, alle 5:30 italiane, sale sulla piattaforma Coinbase del 5,34% a 11.505,71 dollari read more …

SpankChain.com: Adult entertainment on the Blockchain

What started out as only a 120 slide powerpoint presentation on Reddit by Spanktoshi Nakabooty a few months ago has turned into a 8 person team, from all over the world, focused on making a better Adult Industry. Through the use of blockchain technologies, we have the capability to solve common pain points endured by both sex workers and consumers of their work (you).

We’ve been hard at work for the last two months and on Monday we released a technical demonstration of the power of our in-browser payment channels platform read more …

La blockchain e la tokenizzazione del mercato immobiliare

Housers

Un token è un insieme di informazioni digitali registrate su una blockchain in grado di conferire un diritto di proprietà ad un soggetto. Il token può eventaulmente incorporare anche altri diritti addizionali, governati da un sistema di smart contracts.

Secondo William Mougayar, autore di “The Business Blockchain” un token è un altro modo di emettere moneta in modo privato, è un’unità di valore che un’organizzazione crea per governare il suo modello di business e dare più opzioni ai suoi utenti di interagire con i propri prodotti e servizi, facilitando nello stesso tempo la distribuzione dei benefici tra i suoi “azionisti” read more …

Draghi sul Bitcoin: “Attenzione, ma non spetta alla Bce bloccarlo”

Il governatore Draghi

l governatore risponde via Twitter: “Il peggio della crisi è alle spalle”. Rossi (Bankitalia) sulle criptovalute: “Sono Ufo speculativi”

MILANO – “Un euro oggi, è un euro domani. Il suo valore è stabile. Il valore del Bitcoin oscilla enormemente”. Per questo motivo la Bce non considera la criptovaluta una moneta. Ma anche per una seconda ragione: “L’euro è supportato dalla Banca centrale europea, il dollaro dalla Federal Reserve, le monete sono sostenute dalle banche centrali. Nessuno sostiene il Bitcoin”. L’intervento è di Mario Draghi, il governatore dell’Eurotower, che entra nel dibattito sulle criptovalute attraverso Twitter, nell’iniziativa #AskDraghi con la quale la Banca centrale europea ha risposto alle domande degli utenti read more …

L’Islanda rischia di rimanere al buio per colpa dei Bitcoin: la criptovaluta consumerà più di tutti i cittadini


Warning: Division by zero in /web/htdocs/www.blockchainassociation.it/home/wp-content/plugins/page-links-single-page-option/addons/scrolling-pagination/scrolling-pagination-functions.php on line 47

L’allarme dell’azienda energetica dell’isola: se tutti i progetti di costruzione dei nuovi computer per il mining andassero in porto la domanda di corrente per questo settore potrebbe presto superare quella utlizzata oggi da tutti i cittadini.

Un´economia piccola ma florida e creativa, quella della bellissima Islanda, rischia di restare al buio per colpa dei Bitcoin. O piú precisamente a causa dell´alto consumo d´energia dei supercomputer di ditte installatesi nell´isola per coniare virtualmente la valuta virtuale. Il grido d´allarme non viene da ong ecologiste o politici radicali, ma dalla HS Orka, grande azienda islandese del comparto energetico. La quale ha già allertato le famiglie, i singles, tutti i circa 340mila cittadini islandesi read more …

 

% | % Single Page

Blockchain: the solution to the cybercrime epidemic?

NCA cybercrime report estimates 2.11 million in UK victims of cybercrime

The recent boom in crypto assets, such as Bitcoin and Ethereum, has introduced the masses to blockchain technology.

Blockchain has a number of benefits: it is implicitly secure, adaptable, cost-effective and universally accessible. People are starting to wake up to the practical uses of blockchain and its potential to revolutionize industries and solve age-old problems – one of which is cybercrime read more …